lunedì 25 ottobre 2010

Post 24 ore (again)

Sabato e domenica scorsi si è svolta la terza edizione del 24 Hour Comics Day organizzato da Vastagamma e ospitato presso la nuova e centralissima Biblioteca Civica di Pordenone che con l'ampia sezione dedicata alla letteratura disegnata e l'archivio degli autori locali si è posta come sede ideale per questa giornata di festa del Fumetto.
Realizzato con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e il sostegno del Comune di Pordenone e di Ofelia Tassan, direttrice della Biblioteca che ha subito creduto nel progetto, l'evento, aperto al pubblico di curiosi e appassionati, è stato trasmesso in streaming sul blog di Vastagamma.


Undici i partecipanti, di seguito elencati in ordine rigorosamente alfabetico:

Massimiliano Bergamo, gradito ospite padovano, ha trasposto nelle sue tavole in chiave ironico-fantascientifica la situazioni bizzarre della maratona ideando la “variante Bergamo-Bernabei” che, dopo la “variante Gaiman” e la “variante Eastman”, rappresenta il terzo escamotage per uscire (quasi) vivi da una 24 ore facendo comunque il proprio dovere...

Stefano Bernabei, artista e pittore di scena, qui alla prova per la prima volta su un fumetto, ha affascinato tutti per la tecnica, la professionalità e la mera bellezza delle sue sorprendenti tavole; ascoltare poi il resoconto notturno delle sue esperienze lavorative in giro per il mondo è stato un piacere per pochi...

Fausto Bica, studente dell'Accademia delle Belle Arti di Bologna, primo a completare l'impresa delle 24 pagine già alle 3.33 (ora profetica) di domenica mattina, ha illuminato la sala con il suo sorriso, che si è aperto ancora di più quando ha appreso che tra i compagni d'avventura c'era, appunto, il pittore di scena della sua amata Rome...

Paolo Gomets Francescutto, socio del Gotem Studio ostinatamente alla sua seconda 24 ore, attraverso le tavole che andava completando ha rivelato che sotto la scorza nera del suo Jigen-look cova un insospettabile animo romantico...

Isaak Leo Luca Friedl, disegnatore del collettivo Delebile (oltre che vera e propria tortura cinese incarnata - lo scrivo solo perché so che gli sto facendo un complimento), si è gettato a capofitto sul foglio di carta armato di inchiostro e pennelli ma ha una volta intravisto il traguardo delle 24 tavole ha rallentato la corsa per non finire troppo presto e godere così della gustosa colazione mattutina promessa presso la vicina (e assai apprezzata) Pasticceria Reale...

Alessandro Micelli, veterano della 24 ore pordenonese nonché futura star del comicdom USA (vedrete, vedrete...), nonostante gli impegni familiari e lavorativi non poteva mancare all'appello e dopo aver raggiunto il gruppo a tarda sera è sceso nell'agone con mente leggera e calma apparente realizzando in scioltezza dieci tavole dinamiche a ritmo di rock'n roll...

Davide Pascutti, gradito ritorno dopo l'esperienza del 2007, armato di notebook e tavoletta grafica è stato costretto al ritiro da un incidente informatico che gli ha fatto perdere tempo prezioso e slancio creativo; ah, la buona vecchia carta di una volta!

Tito Peressutti normalmente si dedica a tutt'altro, ma in occasione della scorsa edizione della 24 ore Vastagamma ha fatto appello al suo passato fanzinaro per ri-scoprire il piacere di fare un fumetto; al suo passato di fotografo invece ho fatto appello io quando hanno improvvisamente ceduto le batterie della mia macchina fotografica! (a presto - spero - metterò online le sue foto della maratona)

Alvise Rossi, improbabile connubio tra programmatore informatico e stampatore artigianale d'arte con la passione del fumetto, ha messo alla prova mente e fisico per svelare uno dei misteri fondamentali dell'universo attraverso la storia di un grazioso (?) coniglietto condita di numerosi e divertiti omaggi all'immaginario cinefumettistico...

Luca Kittie Tonin, giovane studente dell'Accademia di Belle Arti, ha letteralmente “animato” il curioso personaggio creato per l'occasione ideando un fumetto la cui chiave interpretativa ed estetica risiede nella fluidità di lettura ...

and last but not least

Simona Valentina Tornabene, unica ragazza del gruppo (nonché ragazza unica), ha portato con sé come nell'edizione 2009 la consueta guardia vichinga e il suo mondo bizzarro; vista la fine che fece fare allora alla bambola Priscilla vi lascio immaginare che ne sarà del povero principesce azzurro protagonista del fumetto di quest'anno...

Assente purtroppo il buon Simone Paoloni costretto da un male di stagione a un “ritiro preventivo” dell'ultim'ora. Non ha potuto quindi dare il suo prezioso contributo alle situazioni bislacche e talvolta spassose che si sono venute a creare nel corso della maratona, con una prevedibile concentrazione nelle ore notturne.

Come sempre la 24 ore è stata un'esperienza stimolante sia per i partecipanti che per il numeroso pubblico dei visitatori, attirati dalla possibilità di assistere dal vivo alla creazione di un fumetto secondo tecniche e modalità tanto diverse. L'impatto con i disegni di Stefano che accoglievano i curiosi all'ingresso della sala preludeva all'immersione in mondi fantastici e paralleli fatti di città-astronavi, foreste oscure, creature oniriche, animaletti voraci e tanto sentimento.


La buona riuscita dell'evento è quindi dovuta al fondamentale contributo artistico e umano dei fumettisti che si sono cimentati nell'impresa e hanno aderito numerosi nonostante il breve anticipo con cui abbiamo potuto pubblicizzare la maratona.
Un ringraziamento sentito va poi ad Anna De Vita per l'aiuto prezioso e indispensabile che ci ha fornito prima, durante e dopo lo svolgimento della manifestazione.


In attesa dei contributi fotografici di Tito e Giulio De Vita (da oggi in Svizzera per la promozione della sua ultima fatica Kris De Valnor) le immagini qui sopra sono courtesy of David Zellaby.

giovedì 21 ottobre 2010

BIG

Questa l'interessante (e godibilissima) conferenza tenuta lo scorso 6 ottobre alla Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Madrid dal talentuoso Bjarke Ingels, fondatore dello studio danese di architettura BIG e autore dello strepitoso Yes Is More, manifesto della filosofia professionale e progettuale dello studio pubblicato sotto forma di (ottimo) fumetto a un prezzo veramente popolare.
Sintesi del tutto personale: Bjarke Ingels al pari dell'ex socio Julien De Smedt è un grande!
Buona visione.

Bjarke Ingels @ ETSAM, "Yes is more" from mstrpln blog mx on Vimeo.

giovedì 14 ottobre 2010

24 HOUR COMICS DAY 2010 a Pordenone

23-24 Ottobre 2010, dalle ore 14.00
Biblioteca Comunale di Pordenone, Piazza XX Settembre
3a edizione del 24 HOUR COMICS DAY Vastagamma

Dopo l'avanguardistica edizione 2007 e la roboante edizione 2009, Vastagamma è lieta di organizzare anche quest'anno il 24 Hour Comics Day pordenonese quale evento speciale che si svolgerà eccezionalmente, con il benestare dei fratelli maggiori americani, dalle 14,00 di sabato 23 ottobre alle 14,00 di domenica 24 ottobre presso i locali della nuova Biblioteca Comunale di Pordenone nella centralissima Piazza XX Settembre del capoluogo friulano.

Per chi non lo sapesse:

Cos'è?
Il 24 Hour Comics Day è una maratona ludico-artistica non competitiva nata negli Stati Uniti nel 2004 da un'idea di Nat Gertler e Scott McCloud in cui ciascun partecipante sfida se stesso nella creazione di un fumetto di 24 pagine in 24 ore nel corso di un evento collettivo aperto al pubblico.

Regolamento del 24 Hour Comic
1) Il fumetto nella sua interezza deve essere iniziato e completato in 24 ore consecutive;
2) Il fumetto deve essere composto di 24 pagine;
3) L'autore deve lavorarvi singolarmente;
4) L'autore non può preparare in anticipo il soggetto e/o impostare le tavole;
5) Se alla scadenza delle 24 ore il fumetto non è completato l'autore può lasciarlo così com'è (variante Gaiman) oppure continuarlo fino a completamento (variante Eastman).

Chi volesse cimentarsi nell'impresa può mandare una mail all'indirizzo 24comics[at]vastagamma.org o lasciare qui sotto un commento con un proprio contatto.
Chi invece vuole semplicemente curiosare è il benvenuto, a ogni ora del giorno e della notte.

lunedì 11 ottobre 2010

Archi & BD - altre impressioni

Il lungo articolo di Siegmund Ginzberg dedicato alla mostra Archi & BD pubblicato ieri sul quotidiano La Repubblica mi offre l'occasione per linkare una panoramica di altri commenti sull'esposizione curata da Jean-Marc Thévenet e Francis Rambert.

http://www.teknemedia.net/magazine_detail.html?mId=8094

http://planbd.blogspot.com/2010/09/archi-decu.html
http://hobopok.blogspot.com/2010/08/cases-en-tole.html
http://www.vingtparismagazine.com/2010/06/archi-et-bd-la-ville-desinee.html

http://www.thestar.com/article/865377--video-game-designers-and-their-comic-forebears
http://www.tcj.com/hoodedutilitarian/2010/09/strange-windows-draw-buildings-build-drawings-part-1/

Questo reportage di BoDoi non aggiunge molto, ma contiene alcune immagini dell'allestimento per chi volesse farsene un'idea propria.

Concludo la breve rassegna con la segnalazione di un'intervista a cura di Elena Sommariva a Francis Rambert e il collegamento alla pagina di un blog dedicato a Floc'h che riporta un articolo sulla mostra comparso su Connaissance des arts n.683 del giugno 2010; articolo la cui forma, più che il contenuto in sé, mi appare interessante.